PERSONE CHE HANNO LETTO O CURIOSATO

domenica 8 settembre 2013

Le mani di Carlo

Lui si chiama Carlo Italo Aurucci, e questo è il suo tentativo di spiegare agli stranieri il significato di tanti gesti che l'italiano fa mentre parla.

Vive in Canada, dopo essere emigrato 50 anni fa da Corleto Monforte, paesino della provincia di Salerno.


Un video che fa morir dal ridere.


Esattamente come fa piangere dalla commozione il racconto del suo ritorno, per la prima volta dopo 50 anni, al suo paese.


Per chi non conoscesse bene l'inglese, nella sua introduzione dice:

"Ciao!
Prima di tutto un po' di Storia...
Napoli e le sue Coste sono tra i luoghi più belli del Mondo. 
Questo è il motivo per cui, quando collassò l'Impero Romano ed Romani non furono più in grado di difendere le frontiere, tutti i popoli vicini realizzarono il loro sogno di venire a vivere a Napoli. 

Si alternarono Visigoti, Ostrogoti, vandali dall'Africa, Longobardi, Saraceni, Normanni, Carolingi, Germanici, Spagnoli, Francesi ed Austriaci. 

Ogni paio di anni una nuova popolazione si stabiliva a Napoli. 


I poveri napoletani non avevano il tempo di apprendere le loro lingue. 

Questo fu il motivo che li costrinse ad inventare una nuova forma di comunicare con il resto del Mondo: il Linguaggio dei Gesti".


Poi scrive una nota aggiuntiva...


"Mi scuso se parlo solo di Napoli e dei napoletani, lo faccio per spirito di appartenenza. 
L'Italia è bella tutta, e molti di questi gesti sono utilizzati in tutte le Regioni".




6 commenti:

  1. E' spetaccolare, non mi ero resa ben conto di quanti gesti uso nel corso della giornata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La stessa precisa impressione che ho avuto io vedendola. E pensare che io ho sempre negato di essere un italiano che gesticola!

      :-)

      d.

      Elimina
  2. Italiano, mafia, pizza, mandolino, baffo nero....
    La quintessenza dello stereotipo dell'italiano nel mondo...il napoletano!
    LOL mi vengono sempre in mente gli episodi di Family Guy quando rappresentano gli italiani ehehehehehehehehehe.
    Fantastico

    RispondiElimina
  3. So and so??? Ma non esiste in inglese!!! :O

    RispondiElimina